header-1-1024x260
mission

La prima infanzia (il periodo d’età da 0 a 6 anni) è il momento fondamentale per lo sviluppo cognitivo, psichico, fisico, linguistico e sociale delle persone e investire in questa fascia d’età presenta ritorni significativi nel tempo in termini di miglioramento della salute in età adulta, produttività economica, propensione a comportamenti di cittadinanza e genitorialità responsabile.

Miglioramento della salute in età adulta

In Italia e in Piemonte i bambini sono risorsa sempre più rara: nel 2014 in Italia sono nati quasi 12.000 bambini in meno rispetto al 2013 e il Piemonte ha registrato soltanto nell’ultimo anno una riduzione della natalità pari al 2,3%.

Anche i dati relativi alla povertà infantile presentano una situazione preoccupante: secondo gli ultimi dati Istat del 2015, i minori in stato di povertà in Italia nell’ultimo anno sono stati 1.045.000 ( un bambino su 10)

Gli investimenti in servizi  di cura dei bambini si stanno riducendo a Torino e in Piemonte, come in altre parti del Paese.

Con il Programma ZeroSei la Compagnia di San Paolo intende favorire l’integrazione e il coordinamento tra servizi e offerte di cura rivolte alla fascia 0-6 anni a Torino, nella sua prima cintura e in Piemonte ed i progetti già sostenuti dalla Compagnia a favore dei bambini di questa specifica fascia d’età in un quadro più sistematico, multidimensionale, includente, innovativo e integrato.

Investimenti per il futuro

Investire nei primissimi anni di vita risulta un’operazione con rendimenti economici elevati ed una scelta che riduce, in prospettiva, i costi di politiche volte a limitare danni che insorgono in fasi successive dello sviluppo delle persone con fenomeni come l’abbandono scolastico e le malattie legate a stili di alimentazione e di vita non adeguati.

Eppure, assistiamo oggi a una contrazione generalizzata degli investimenti a favore di servizi educativi e di cura dei bambini, a Torino e in Piemonte come in altre parti del Paese, in un momento in cui, invece, sarebbe essenziale andare nella direzione opposta, di fronte al dato che vede oggi, in Italia, più di un minore su dieci in situazione di povertà assoluta (dati Istat).

È per questo motivo che, da tempo, la Compagnia di San Paolo investe a favore dei bambini nella fascia 0-6 anni in progetti a gestione diretta, con il sostegno a iniziative in ambito sanitario, sociale, culturale e con una intensa attività di ricerca ed è per questa stessa ragione che nasce oggi il Programma triennale ZeroSei: per costruire un quadro coordinato, per massimizzare effetti e per raggiungere economie di scala, con l’obiettivo di promuovere il benessere e lo sviluppo armonico dei bambini torinesi e piemontesi favorendo l’integrazione tra servizi e offerte di cura ed educazione a loro destinati.

Pensare ed agire, insieme, per una nuova operazione culturale a favore dei bambini piccoli

Il Programma ZeroSei mira a rendere il territorio metropolitano torinese più attento, consapevole e interessato alle esigenze e alle potenzialità dei bambini 0-6 e concorrere affinché effetti similari possano prodursi sul territorio piemontese.

Il programma si propone di potenziare la diffusione della cultura della prima infanzia a livello regionale, stimolando pratiche e politiche per l’educazione e la cura dei bambini di 0-6 anni, in una prospettiva multidimensionale, valorizzando le potenzialità e cercando di rispondere in maniera integrata e innovativa a situazioni di criticità.

L’obiettivo è contribuire a produrre un cambiamento sul territorio coinvolto, non solo in termini di incremento di offerta e di servizi, ma anche e soprattutto nella capacità della comunità di interagire, lavorare sinergicamente e mettere a sistema abilità, competenze e risorse, per prendersi cura dei propri bambini, delle loro famiglie e dei soggetti che con loro interagiscono in modo sostenibile, efficace, partecipato e duraturo.

Il Programma ZeroSei si configura quindi come un’opportunità per il territorio di attivare nuove modalità di confronto e dialogo con gli attori coinvolti a vario titolo nell’educazione e nella cura della prima infanzia, così da rendere il bambino e la famiglia soggetti da coinvolgere sia nella fase di ascolto e di analisi del bisogno, sia in quella di realizzazione e sviluppo delle iniziative, in un ottica di sostenibilità delle stesse.